Cammino diVino, il sentiero che porta dalla vigna al bicchiere

Un corso itinerante in cui conoscere tutte le fasi della produzione del vino e i concetti base della degustazione, e scoprire, per ogni vino, l’importanza della storia di chi lo produce e del territorio in cui vive.

Quando: Data da definire, se sei interessato scrivici e ti terremo informato sulla programmazione
Dove: alla Casa del Movimento Lento di Roppolo (BI), 1 ora da Milano e 40' da Torino
Contributo per l'iscrizione: 90 Euro
Informazioni e iscrizioni: scrivi a casa@movimentolento.it o chiama il 3357979550 o lo 0161987866

Chatta con whatsapp  Scrivici una mail

Il vino non si beve soltanto:
si annusa, si osserva, si gusta, si sorseggia e... se ne parla.
Edoardo VII (re inglese)

Avete mai pensato cosa c’è veramente dentro un bicchiere di vino? Non solo alcool etilico, zuccheri, acqua, sali minerali e numerose altre sostanze. Non è solamente bianco, rosso o rosato, ma è composto da infinite altre sfumature che racchiudono prima di tutto il territorio, cioè l’ambiente in cui le viti crescono: l’andamento climatico, il terreno, la storia geologica e sociale, la flora e la fauna che lo abitano. Il vitigno e il tipo di coltivazione sono altri aspetti fondamentali. Infine il produttore, ultimo ma non meno importante perché è colui che dà la propria impronta personale a tutto il resto, ove possibile.

Dentro al bicchiere ci sono infinite storie che raccontano del luogo e delle persone, c’è la passione e la fusione con la natura, seppur con l’aiuto di attrezzature moderne. Il contadino passeggia nelle vigne mentre lavora e ne segue i ritmi stagionali, accompagnandole al momento clou che è la vendemmia; da qui in poi l’uva che le viti hanno donato sarà nelle sue mani per trasformarsi in vino. E’ un cammino lento che percorre vari sentieri.

Elisa Pozzo, giovane produttrice che insieme alla sorella gestisce un’azienda vitivinicola tutta al femminile, racconterà in questo seminario come il vino modella il territorio, e la vita stessa di chi vi abita. Confronteremo antiche lavorazioni con altre più moderne, seguiremo la vita in un vigneto durante le quattro stagioni, scoprendo cosa può fare la mano dell’uomo per accompagnare la natura al fine di ottenere miglior qualità possibile, nel rispetto dell’ambiente e delle naturali fasi vegetative. Cammineremo tra i filari e sulle colline per vedere come terrazzamenti e muretti a secco modellano e abbelliscono il paesaggio. Visiteremo la cantina in cui Elisa produce i suoi vini, per vedere le attrezzature e le botti utilizzate dopo la vendemmia, e scopriremo come con lo stesso vitigno si possono ottenere vini anche molto differenti tra di loro. Assaggeremo questi vini, e impareremo le basi dell’analisi visiva, olfattiva e degustativa. Stuzzicheremo la fantasia con qualche ricetta in cui questa bevanda diventa protagonista anche nel piatto.

Programma

Venerdì
17 -18: arrivo e saluti
18: presentazioni e introduzione al seminario
20 – 21.30: cena condivisa

Sabato
8.00: colazione
9.00: partenza per la camminata sulle colline, verso l’anfiteatro panoramico costruito dalla famiglia Pozzo. Elisa ci racconterà come e perché i vigneti hanno cambiato il paesaggio dell’area del Lago di Viverone, quali caratteristiche deve avere un terreno per produrre un buon vino, l’esposizione, il clima, le diverse caratteristiche dei vigneti nelle varie regioni italiane.
13 – 14: picnic tra le vigne, o se fa freddo spuntino in un bar di Viverone.
14 – 16: visita alla cantina dell’azienda agricola Pozzo, spiegazione dei vari metodi di vinificazione e delle attrezzature. Degustazione di vini tipici del territorio.
16.00: ritorno alla Casa del Movimento Lento. Racconti e proiezioni di una vigna attraverso le 4 stagioni: le fasi vegetative, i lavori che seguono l’andamento stagionale, le condizioni meteorologiche, le differenze tra passato e presente.
19.30 – 21.30: cena comune in un ristorante nelle vicinanze della casa, accompagnata da vini tipici del territorio.

Domenica
8.00: colazione
9.00: passeggiata alla scoperta dei vigneti di Erbaluce e di uve rosse autoctone piemontesi, tra muretti a secco e scorci paesaggistici, tra pergole e spalliere.
13.00: picnic in campagna, o se fa freddo spuntino in un bar di Viverone.
15: ritorno alla casa del Movimento Lento per parlare del vino nel bicchiere, il piacere della degustazione, le analisi visive, olfattive e sensoriali, il vino nel piatto.
16.30: saluti finali

Il corso si svolgerà con un numero minimo di 6 partecipanti, un numero massimo di 15.
Attrezzatura consigliata: un paio di scarponcini o scarpe da trekking, zainetto da escursione con borraccia dell’acqua e giacca a vento. Utile un quaderno con biro o matita per gli appunti. 

La docente
Elisa Pozzo, viticoltrice e produttrice di vino, vive a Viverone, Elisa Pozzo Cammino diVinodove si trova l’azienda agricola che conduce insieme alla sorella Claudia. Dopo avere completato i loro studi Elisa e Claudia hanno deciso di non lasciare il loro territorio e di rilevare e rilanciare l’azienda di famiglia, arrivata ormai alla terza generazione. Oltre ad essere produttrici di vino Elisa e Claudia coltivano kiwi e olive, e recentemente hanno aperto un piccolo chiosco a Viverone in cui servono aperitivi con vini locali da un’Ape-motocarro d’epoca, per questo chiamato l’AperiVino. Elisa dedica il poco tempo libero alla scrittura, ed è autrice di un libro sulle ricette della zona del Lago di Viverone. 

Dove

Il Corso si terrà presso la Casa del Movimento Lento, un antico casale situato lungo la Via Francigena piemontese a Roppolo, in provincia di Biella. La Casa dispone di un ampio giardino dove effettuare gli esercizi all’aria aperta, mentre basta uscire di casa per imboccare una delle numerose strade campestri che s’inoltrano per decine di chilometri tra le colline boscose del biellese.

Roppolo si trova a 100 km da Milano, 60 km da Torino. Per chi arriva in treno la stazione di Santhià si trova a 12 km di distanza, ed è disponibile un servizio taxi piuttosto economico verso Roppolo. Se invece preferite arrivare a piedi basta imboccare la Francigena contromano, da Santhià sono 3 ore di piacevole cammino, il modo ideale per entrare nel vivo del corso.

Se invece siete costretti ad arrivare in auto imboccate l’A4, uscita Santhià, quindi proseguite per il Lago di Viverone. Siamo a un’ora da Milano, 45 minuti da Torino.

Logistica e costi

Il corso è riservato ai soci del Movimento Lento. Chi non fosse socio avrà la possibilità di iscriversi prima del corso, pagando la quota di iscrizione di 15 Euro all'anno.

Il contributo richiesto per il seminario è di 90 Euro per ogni socio partecipante.

Altre spese previste per vitto e alloggio: è possibile pernottare sia presso la Casa del Movimento Lento, sia in altre strutture di accoglienza convenzionate. Prezzo del posto letto nella Casa in camera tripla: 19 Euro/notte per persona (per chi usa il proprio sacco a pelo e asciugamani) o 24 Euro (comprese le lenzuola e gli asciugamani), colazione inclusa. Pranzi al sacco o al bar, cene condivise con menu convenzionato (15 Euro).  

Per informazioni e prenotazioni: Segreteria organizzativa – Susanna - 0161987866 - 3357979550 - casa@movimentolento.it  

La Scuola del Movimento Lento ha ricevuto il patrocinio dell'Associazione Europea delle Vie Francigene.
Associazione Europea delle Vie Francigene 

 



LEGGI IL PROGRAMMA COMPLETO DEI NOSTRI SEMINARI !