La Dieta del Camminante

Un seminario rivolto a chi vuole imparare a nutrirsi correttamente, a disintossicarsi, e magari dimagrire, quando viaggia a piedi (e nella vita di tutti i giorni).

Un viaggio a piedi è una straordinaria opportunità di disintossicazione: camminare fa bene perché  si consuma energia, si tonifica il corpo e il tono muscolare, si attiva la depurazione fisiologica dell’organismo, si migliora la respirazione ma soprattutto si ascolta e si conosce meglio il proprio corpo.
In particolare tutto ciò si concretizza se si viaggia in montagna, o nei parchi, si respira aria pulita e si beve acqua pura. Tuttavia, a causa dello sforzo inconsueto, durante e dopo un cammino si tende spesso a mangiare troppo, e male, vanificando il processo di “disintossicazione” del nostro organismo.
Spesso ci si concentra solo sulla dieta o solo sull’attività fisica per stare bene e per perdere e mantenere il peso a lungo termine. Invece, per raggiungere uno stato di benessere psico-fisico, è necessario che le due scelte, dieta e movimento, vengano considerate contestualmente.
E’ quindi importante imparare a nutrirsi, conoscere le proprietà dei cibi ed essere in grado di metterle in relazione con le esigenze del nostro corpo, sia durante il cammino, sia nella vita di tutti i giorni.
Dieta significa letteralmente “stile di vita” e non deve essere intesa come un regime alimentare restrittivo ma come un apporto alimentare ottimale che possa consentire al corpo di vivere in salute.

Gli obiettivi del seminario
In questo seminario impareremo a conoscere le proprietà dei cibi, e a nutrirci correttamente, sia durante un viaggio a piedi sia nella vita di tutti i giorni.
Approfondiremo le necessità energetiche dell’organismo, l’apporto di sostanze destinate al rinnovamento dei tessuti e di quelle aventi funzione protettiva e regolatrice.
Comprenderemo quanto alcuni luoghi comuni in campo alimentare siano privi di fondamento: concetti tramandati di generazione in generazione contribuiscono all’incremento del peso corporeo  e alla diffusione dell’obesità nelle nuove generazioni.
Impareremo a trasformare un viaggio a piedi in una straordinaria opportunità di depurazione e benessere per il nostro organismo, oltre che un’occasione per perdere peso, senza tuttavia eccedere.
Infine, cercheremo di capire come una corretta alimentazione possa contribuire in modo sensibile alla qualità della vita del pianeta: un’alimentazione sostenibile diventa quindi una scelta etica importante.

Il programma
Il seminario alternerà spiegazioni in aula o nel grande giardino della Casa del Movimento Lento a passeggiate lungo i sentieri delle colline biellesi.
Pranzi e cene saranno pause conviviali e divertenti, in cui si cercherà di mettere in pratica gli insegnamenti dei docenti, per utilizzare il fine settimana come un momento importante da dedicare al proprio benessere.

Ecco il programma:
Venerdì:
•    arrivo dalle 16,00 alle 17,00
•    17,00–18,00   Chi siamo? E’ vero che siamo quello che mangiamo?
•    18,00–19,00 - vero o falso? Giochiamo con i luoghi comuni in tema di alimentazione.
•    19,00 – 21,00 – cuciniamo e mangiamo insieme con quello che abbiamo portato da casa. Domani ci aspetta una lunga camminata.
Sabato:
•    9,00 – 14,00 escursione e discussione itinerante. Mangiar bene può veramente risolvere alcuni piccoli disturbi quotidiani (cattiva digestione, gastrite, stitichezza, ecc)? Come? Mentre riflettiamo su ciò che accade al nostro corpo quando camminiamo ci procuriamo le erbe necessarie a preparare un’ottima  cena.
•    16,00 – 18,00 riflessione in aula: le basi concettuali e pratiche per un corretto orientamento nelle scelte alimentari e per la formulazione di una dieta ideale per chi ama camminare.
•    18,00 – 22,00 E’ arrivato il momento di mettere in pratica quanto abbiamo imparato: cuciniamo in modo naturale e mangiamo insieme
Domenica:
•    9,00 – 10,00 L’importanza del “saper fare”: impariamo ad impastare il pane
•    10,00 – 12,00 escursione e discussione itinerante in tema di alimentazione e salute. Oggi come ci sentiamo? Impariamo sempre più a riconoscere il linguaggio del nostro corpo. E’ possibile nutrirsi acquistando prodotti “a km zero” ? Sì ! Dimostriamolo concretamente andando a piedi  fino alla cascina per assaporare i prodotti locali
•    12,00 – 14,00 inforniamo il pane e mangiamolo con i formaggi acquistati e le verdure raccolte nei campi
•    14.00 – 15,00 E’ possibile l’alimentazione sostenibile? Discutiamo insieme di come delle nostre scelte alimentari possono incidere sulla qualità della vita del pianeta.
•    15,00 – 16,00 riflessione in aula: abbiamo notato in noi dei cambiamenti dopo tre giorni di cammino? Come ci sentiamo? Siamo persuasi che movimento, alimentazione e riduzione dello stress siano veramente uno strumento per vivere meglio?
•    16,00 – 17,00 proposta di un gioco, studiato per stimolare e sviluppare la conoscenza e l’importanza della composizione degli alimenti. I partecipanti verranno divisi in gruppi di 4 o 5 e si sfideranno sui temi affrontati nel corso.

Il corso si svolgerà con un numero minimo di 6 partecipanti, un numero massimo di 15.

I docenti
Paola Uneddu e Michele Arcadipane sono due biologi nutrizionisti, che da molti anni lavorano come liberi professionisti nel settore della formulazione di programmi alimentari. Tengono corsi di educazione alimentare nelle scuole superiori e partecipano spesso come relatori a convegni e conferenze.
Grandi appassionati di cammino, mettono in pratica quotidianamente gli argomenti del corso, alternando l’attività professionale a lunghe camminate nei parchi milanesi.
Nel 2009 e nel 2010, in particolare, hanno organizzato corsi con i propri clienti per coinvolgerli nell’attività motoria quotidiana proponendo loro “IN CENTRO A PIEDI”: otto chilometri tra andata e ritorno ricompensati da una tazza di tè verde in Piazza del Duomo. Applicare alla quotidianità il movimento ricompensato da “quattro chiacchiere” per conoscerci e conoscersi  è la strategia vincente per mantenere mente e corpo in salute.

Dove
Il Corso si terrà presso la Casa del Movimento Lento, un antica cascina situata lungo la Via Francigena piemontese a Roppolo, in provincia di Biella. Il casale dispone di un ampio giardino dove effettuare le attività all’aria aperta, mentre basta uscire di casa per imboccare una delle numerose strade campestri che s’inoltrano per decine di chilometri tra le colline boscose del biellese.
Roppolo si trova a 100 km da Milano, 60 km da Torino. Per chi arriva in treno la stazione di Santhià si trova a 12 km di distanza, e concordando l’orario potremo venire a prendervi, oppure dalla stazione prendete un autobus per Ivrea. Se invece preferite arrivare a piedi basta imboccare la Francigena contromano, da Santhià sono 3 ore di piacevole cammino, il modo ideale per entrare nel vivo del corso.
Se invece siete costretti ad arrivare in auto imboccate l’A4, uscita Santhià, quindi proseguite per il Lago di Viverone. Siamo a un’ora da Milano, 45 minuti da Torino.

Il corso è riservato ai soci del Movimento Lento. Chi non fosse socio avrà la possibilità di iscriversi prima del corso, pagando la quota di iscrizione di 15 Euro all'anno.

Il contributo richiesto per il corso è di 90 Euro per ogni socio partecipante.

Per info e prenotazioni: Segreteria organizzativa - Cristina Menghini - casa@movimentolento.it

Altre spese previste per vitto e alloggio: su richiesta è possibile pernottare sia presso la Casa del Movimento Lento, sia in altre strutture di accoglienza convenzionate. Prezzi a partire da 20 Euro/notte per persona in camera tripla, compresa la colazione.